Il presidente del CNAPPC Leopoldo Freyrie ha rafforzato le tematiche tracciate dal presidente dell'Ance Paolo Buzzetti in apertura di giornata. In primo luogo una definizione del progetto RIUSO 01. Non si tratta di un'azione di lobbying - ha affermato Freyrie - ma un progetto di aggregazione, per il paese e per i cittadini. È il momento di proporre progetti concreti e coraggiosi per consentire al paese di andare avanti. Il primo tema è lo stato del patrimonio edilizio italiano: è come se si viaggiasse su un'automobile degli anni Cinquanta che inquina moltissimo, consuma tanto e in caso di incidente si rischiano gravi conseguenze. Occorre un'operazione verità, senza allarmismo ma chiarendo lo stato di gran parte del patrimonio e la necessità di rigenerarlo.
Ma c'è un aspetto irrinunciabile, sostiene il presidente degli architetti: è indispensabile una regia  complessiva, che garantisca standard di qualità, bassi costi, minimo impatto ambientale e risparmio energetico. Non possiamo lasciare che tanti microinterventi risolvano ognuno il piccolo singolo problema, in questo modo senza una regia complessiva si rischia addirittura di operare in modo dannoso. Servono ricerca, coraggio, lavoro coordinato per ridare capacità alla nostra industria e mettere in moto un volano di processi economici capace di garantire un grande ritorno. Occorre quindi una politica nazionale sulla rigenerazione delle città, ma questa presuppone un salto culturale di tutti i protagonisti. Gli architetti devono modificare la loro metodologia tradizionale di progetto, le imprese devono uscire dalla loro usuale logica di operare. È questa la strada per riconquistare capacità, andando anche all'estero a cogliere successi che sono pienamente nella nostra tradizione.
Freyrie ha insistito, in conclusione, proprio sull'approccio integrato della filosofia del piano di rigenerazione. Da solo il social housing non basta, così come il piano scuola: ognuno di questi filoni è efficace in quanto pezzo del progetto che può diventare una formidabile chiave di rinascita della nostra economia - oltre che delle nostre città - solo se è la risultante di tutte le componenti.

Costruttori, ambientalisti, architetti: "CITTÀ E RIGENERAZIONE URBANA. Architettura e industria delle costruzioni per una nuova strategia di sviluppo”

Altri Dossier seguiranno, per discutere quali siano i possibili strumenti finanziari, le soluzioni e innovazioni tecniche, i sistemi di partecipazione dei cittadini, le migliori sperimentazioni

Mappa del sito