Nella rubrica “PNRR” vengono pubblicate le notizie sulla pubblicazione degli avvisi pubblici, da parte dei Ministeri e degli Enti interessati, per la realizzazione delle opere finanziate dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.

Il nostro Paese è stato colpito da una grave siccità fin dall’inizio dell’anno. Gli studi dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (Ispra) mostrano che, dall’inizio degli anni ’50, si è registrato un aumento nella percentuale del territorio italiano soggetta a siccità estrema su base annuale, fenomeno strettamente legato ai cambiamenti climatici e, quindi, alle emissioni di gas a effetto serra. Il perdurare di questa situazione ha un impatto socio-economico e ambientale notevole, dovuto allo squilibrio tra la disponibilità di risorsa idrica e la domanda per i diversi usi, tra cui il potabile, la conservazione degli ecosistemi e le attività economiche.

Occorre attuare politiche di forte riduzione delle emissioni di gas serra, incentivare migliori prassi di uso e di gestione dell’acqua in un'ottica di adattamento e sostenibilità, sulla base di una conoscenza dettagliata e puntuale della risorsa, di quanto è prelevato e restituito dai corpi idrici e di quanta acqua è a disposizione.

Sul tema della conoscenza della disponibilità idrica, del monitoraggio della siccità e della valutazione degli impatti dei cambiamenti climatici si sta operando non solo nell’ambito del Piano Operativo Ambiente promosso dal Ministero della Transizione ecologica (MiTE), ma anche attraverso gli investimenti di Italia Domani. Nell’ambito del PNRR, interventi in capo al Ministero per l’Innovazione tecnologica e la transizione digitale prevedono servizi innovativi sul versante idro-meteo-climatico e della gestione della risorsa idrica; altri stanziamenti MiTE porteranno alla realizzazione di un sistema avanzato e integrato di monitoraggio e previsione e per la tutela del territorio e della risorsa idrica; attraverso il Ministero dell’Università e della ricerca, infine, il Piano investe per sostenere la ricerca di base sul tema, ad esempio, degli estremi idrologici e della modellistica.

Prosegue il processo di valorizzazione e riqualificazione del patrimonio turistico ricettivo italiano in linea con quanto previsto dal PNRR.

Chiusa con risultati "molto positivi" la raccolta delle manifestazioni di interesse promossa dal bando per la selezione degli immobili da acquisire e ristrutturare tramite un fondo immobiliare gestito da Cdp Immobiliare Sgr, società del gruppo Cassa depositi e prestiti, partecipato e finanziato dal ministero del Turismo attraverso l'impiego di 150 milioni di risorse del PNRR.

Cdpi Sgr pubblicherà  sulla piattaforma online, entro i 60 giorni successivi alla scadenza del bando, gli esiti della prima valutazione delle manifestazioni di interesse pervenute.


PROCEDURE ATTIVE


Il PNRR incentiva lo sviluppo di sistemi di teleriscaldamento efficienti, basati sulla distribuzione di calore generato da fonti rinnovabili, da calore di scarto oppure co-generato in impianti ad alto rendimento. Il nuovo bando del Ministero della Transizione ecologica prevede agevolazioni sia per la costruzione di nuovi sistemi, sia per l’estensione delle reti di teleriscaldamento esistenti. Ci sono 200 milioni di euro a disposizione, di cui 50 per interventi di teleriscaldamento o teleraffrescamento efficiente di piccole dimensioni. È possibile presentare domanda entro il 6 ottobre tramite l’area clienti del portale GSE.


 TUTTE LE PROCEDURE DEL PNRR


I bandi, gli avvisi e le altre procedure pubbliche delle Amministrazioni titolari sono visionabili al seguente link

https://italiadomani.gov.it/it/opportunita/bandi-amministrazioni-titolari.html?orderby=%40jcr%3Acontent%2Fjcr%3Atitle&sort=asc

I bandi, gli avvisi e le altre procedure pubbliche dei Soggetti attuatori sono visionabili al seguente link

https://italiadomani.gov.it/it/opportunita/bandi-soggetti-attuatori.html?orderby=%40jcr%3Acontent%2Fjcr%3Atitle&sort=asc

 

Mappa del sito